Raccolta Differenziata

mezzocogesa-250x250

La raccolta differenziata indica un sistema di raccolta dei rifiuti che prevede una prima differenziazione in base al tipo da parte dei cittadini diversificandola dalla raccolta totalmente indifferenziata.

Il fine ultimo è dunque la separazione dei rifiuti in modo tale da reindirizzare ciascuna tipologia di rifiuto differenziato verso il rispettivo più adatto trattamento di smaltimento o recupero che va dallo stoccaggio in discarica o all’incenerimento/termovalorizzazione per il residuo indifferenziato, al compostaggio per l’organico e al riciclo per il differenziato propriamente detto (carta, vetro, lattine, plastica).

Per quanto detto la raccolta differenziata è propedeutica alla corretta e più avanzata gestione dei rifiuti costituendone di fatto la prima fase dell’intero processo.

I comuni serviti dalla società Cogesa, per la raccolta differenziata, con sistema “porta a porta” sono finora 44.

Il servizio della raccolta differenziata viene attuato attraverso 65 operatori con 25 mezzi principali e 14 complementari.

La storia della raccolta differenziata comincia nei paesi del Nordeuropa ma questo metodo è stato imposto implicitamente a tutto il territorio della CEE dalla direttiva 75/442 del 1975, la quale all’art.3 imponeva di promuovere la riduzione dei rifiuti, il recupero e il riuso e all’art.7 la “razionalizzazione” della raccolta, della cernita e del trattamento dei rifuti.

I problemi ecologici e di difesa ambientale rendono sempre più difficile reperire aree per le discariche di tipo tradizionale, nelle quali immettere materiali di tutti i generi, indifferenziati, talvolta inquinanti (come medicinali, batterie, solventi) o più spesso utili come fonte di materie prime (come ad esempio alluminio, carta, plastica, vetro).

Il riciclaggio dei rifiuti, oltre a risolvere il problema delle discariche, consente dunque importanti risparmi di energia e di materie prime (p.es. la produzione di 1 t di carta riciclata richiede circa 400.000 litri d’acqua e 5000 kWh in meno di una stessa quantità di carta nuova – oltre a risparmiare 15 alberi).

Anche il conferimento in discarica tradizionale dell’umido risulta uno spreco, poiché può essere utilizzato per produrre compost.

La composizione media dei rifiuti è un dato difficile da stabilire in quanto varia con la zona, la ricchezza e la cultura del cittadino, nonché con la produzione industriale del luogo.

Scopo finale delle norme nazionali e regionali in materia di rifiuti è di ridurre quanto più possibile la quantità di residuo non riciclabile da portare in discarica o da trattare con inceneritori o termovalorizzatori, e, contemporaneamente, recuperare, mediante il riciclaggio dei rifiuti, tutte le materie prime riutilizzabili, che divengono così fonte di ricchezza e non più di inquinamento.

La raccolta differenziata può essere condotta condotta in strada, questo significa che i cittadini devono conferire i loro rifiuti in contenitori presenti sul marciapiede.

Differenziando la tipologia dei rifiuti, sono necessari anche diversi tipi di contenitori. Un contenitore utilizzato comunemente è la campana la cui forma ricorda proprio la classica campana di bronzo dei campanili delle chiese. È destinato solitamente alla raccolta di vetro, lattine o plastica (o di una combinazione di questi materiali). A differenza del cassonetto, che deve essere ribaltato per lo svuotamento, la campana viene svuotata dal basso, sollevandola e aprendo la base inferiore con un comando meccanico situato accanto al gancio di sollevamento.

Ovviamente, anche i cassonetti, eventualmente modificati, possono servire alla raccolta differenziata.

Fino a tempi recenti non è esistita una standardizzazione del colore per la raccolta differenziata, mentre nel 2013 è stata emessa una norma che codifica i colori nei rifiuti. La norma specifica le dimensioni e i requisiti di progettazione dei contenitori mobili a due ruote per rifiuti e riciclo, con capacità fino a 400 l, utilizzabili con dispositivi di sollevamento a pettine.

Selezionati plastica, carta, cartone, vetro, alluminio, ferro e umido, il residuo, terminata la selezione, viene conferito in discarica, per lo smaltimento.

I rifiuti vengono dapprima selezionati manualmente e poi passati su un nastro meccanico. Inviati i materiali su questo nastro il magnete estrae la parte ferrosa, il separatore seleziona invece l’alluminio e l’aspiratore la plastica. Resta quindi il solo vetro.

Una volta completata l’operazione di selezione dei rifiuti, che vengono del tutto “ripuliti”, i materiali selezionati passano nella pressa per essere imballati. A questo punto i materiali sono pronti per essere venduti sul mercato.

Nella raccolta differenziata porta a porta, non sono i cittadini a portare i rifiuti nei cassonetti, ma sono gli incaricati del servizio che passano a domicilio a ritirarli. Per facilitare le operazioni, vengono spesso forniti alle famiglie, sacchi in plastica, bioplastica o carta, cestini e bidoni a secondo della tipologia del rifiuto o del volume dello stesso da conferire.

Questo metodo permette un controllo della correttezza con cui la singola utenza effettua la raccolta differenziata, e quindi l’erogazione di sanzioni in caso di conferimenti erronei. Di conseguenza, permette di raggiungere percentuali d raccolta differenziata più elevate rispetto al sistema dei contenitori stradali.

Utilizzo di cassonetti privati

Un sistema intermedio tra l’uso dei cassonetti stradali e la raccolta porta a porta è l’utilizzo di cassonetti collocati in luoghi pubblici o di pertinenza condominiale, ma apribili solo con l’uso di una chiave o di una tessera magnetica che viene rilasciata a un numero ristretto di residenti (ad esempio i residenti di un complesso condominiale o di una via).

Raccolta multimateriale

La raccolta differenziata presuppone che in uno stesso contenitore o sacco vengano inseriti rifiuti omogenei (solo carta o solo plastica o solo vetro e così via). Tuttavia, per comodità degli utenti, è possibile abbinare prodotti facilmente separabili a valle (raccolta multimateriale): per esempio, vetro, plastica e metallo.